“Typhoid”

Typhoid A3

Viaggio nella vita di una cuoca assassina.

Scritto da Maria Silvia Avanzato e interpretato da Maria Silvia Avanzato e Teresa Fava.
Durata: Settanta minuti ca.
Musiche: Ross Bugden, Mutefish.
Regia: Gabriele Vincis

Alla fine dell’Ottocento, a New York, approdò una grande nave postale brulicante di passeggeri in fin di vita. Nulla di strano per una città come New York, sintesi di quel grande sogno americano che molti rincorrevano chiudendo il proprio cuore in valigia. Fra questi fiduciosi c’era anche la quindicenne irlandese Mary, viva per miracolo e determinata a rimediare un lavoro.

Mary Mallon diventerà una cuoca chiacchierata. I medici americani serberanno per sempre un angosciante ricordo di lei, i newyorchesi le affibbieranno un nomignolo crudele, scrittori e storici indagheranno ogni scabroso dettaglio della sua esistenza fino al nebuloso epilogo che ha fatto di lei un personaggio sospeso fra storia e leggenda.

Typhoid nasce per raccontare l’odore dei vicoli dell’epoca, per
addentrarsi nelle grandi cucine delle ville padronali e conoscere le “sporche irlandesi” che si svegliavano ogni mattina all’alba per imbandire tavole grandiose. Nasce attorno alla misteriosa vita di una di loro, quella Mary Mallon che una mattina finì sul giornale con l’accusa di portatrice sana.
Due voci si alternano sulla scena, interpretazione teatrale e
narrazione letteraria, in un braccio di ferro dai toni scanzonati.

Accompagnate da immagini e commenti musicali, in una suggestiva incursione nei primi del Novecento americani, due giovani artiste diventano scenografia vivente di una strana vicenda di cronaca e la ripescano dai fondali della dimenticanza per restituirla al pubblico, interagendo con esso.

    10981695_10206261245476327_6943743294966359851_n10985237_10206261246156344_2984323966100341232_n 10959609_10206261245556329_2288845204261550752_n 10373829_10206261245516328_3879957113876485978_n

foto a cura di Stefano Mainardi e Andrea Roversi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on Google+Share on RedditEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *